3 aprile 2013

TINO

Grande recipiente per il vino realizzato in legno, in acciaio o in cemento, utilizzato per la fermentazione del mosto o la conservazione del vino.
I recipienti
Le motivazioni che spingono l’utilizzo dell’acciaio inossidabile, del cemento o del legno per il processo produttivo del vino, sono diverse e non dipendono solo dal costo, ma anche dalla volontà o meno di aggiungere caratteristiche organolettiche al vino. Non solo, un tino in acciaio inossidabile è più facile da pulire, duraturo nel tempo, realizzato di un materiale trattabile a tutte le temperature con la capacità di non rilasciare sostanze al vino. Un tino di quercia, ha una vita relativamente breve, non è facilmente lavabile (perchè non può essere sterilizzato), rende particolarmente difficile la regolazione della temperatura e non è inattaccabile dalle sostanze e consente il passaggio dell’aria, (accentuando l’ossidazione ma favorendo l’evaporazione, che a sua volta concentra aromi e sapori).

Condividi:

Botte in Rovere

Per tutte le attività di bar e ristorazione che servono vino sfuso forniamo in comodato
d'uso Botte in Rovere contenente Bag da 10 litri.
La..   [Dettaglio]

Le parole del vino

AERAZIONE

E’ un’operazione che consiste nell’aprire una bottiglia di vino di medio invecchiamento un po' di tempo prima del consumo, in modo tale che il vino, in essa contenuto, "respiri" attraverso uno sc..   [Dettaglio]

News

In evidenza

EQUILIBRIO

Residuo che si deposita nei recipienti contenenti vino, dopo la fermentazione (elementi insolubili e lieviti)