3 aprile 2013

PERSISTENZA

Questo termine fa riferimento alla persistenza gusto-olfattiva del vino, che consiste nella permanenza delle percezioni gusto-olfattive, cioè quanto tempo rimane il vino in bocca. Questa persistenza gustativa è costituita dalla mescolanza degli stimoli gustativi, tattili ed odorosi, quest’ultimi saranno fondamentali per la rilevazione della cosiddetta Persistenza Aromatica Intensa (P.A.I.). Tale valutazione si inizierà a rilevarla dalla deglutizione del vino, contando mentalmente il tempo,espresso in secondi, che l’aroma del vino rimarrà in bocca. La percezione aromatica si avrà attraverso un ritorno retro-olfattivo. Un vino sarà persistente se avrà una percezione compresa fra i 6-8 secondi.

Condividi:

Botte in Rovere

Per tutte le attività di bar e ristorazione che servono vino sfuso forniamo in comodato
d'uso Botte in Rovere contenente Bag da 10 litri.
La..   [Dettaglio]

Le parole del vino

EQUILIBRIO

Residuo che si deposita nei recipienti contenenti vino, dopo la fermentazione (elementi insolubili e lieviti)

News

In evidenza

TANNICITA’

La tannicità è collegata al suo aspetto primario che è l’astringenza. L’impressione tattile astringente si avverte per il rinserramento delle gengive, contrazione delle mucose della bocca e perdita lu..   [Dettaglio]